Tecniche di sopravvivenza: Valigie in aeroporto

Rivoglio le mie valige! Subito!!!

Come essere sicuri di ritirare per primi le valige in aeroporto.

 

Che non si dica mai più che siamo esseri con la testa tra le nuvole… ops! A volte in effetti ce l’abbiamo, ma semplicemente perché ce ne andiamo in giro a zonzo per divertimento. Comunque, bando alle ciance, con questo articolo inauguriamo una nuova rubrica dedicata ai consigli per vivere meglio.

Infatti, nonostante prendere l’aereo rimanga tecnicamente il metodo di viaggio più affascinante, non è certamente meno stressante di tanti altri mezzi.

Quindi: cosa succede normalmente? Succede che per l’ansia di perdere il volo, tu ti sia presentato in aeroporto con larghissimo anticipo, anche troppo – il che significa che ti ritrovi in giro per i negozi dell’area imbarchi, mentre perdi del gran tempo, annoiato a morte quando improvvisamente ti rendi conto di aver perso la cognizione di ogni cosa e stanno facendo l’ultima chiamata per il tuo volo – e poi c’è il mal di testa totale al pensiero dei controlli di sicurezza, durante i quali devi praticamente svestirti e sottoporti a una tomografia assiale computerizzata, completamente; infine c’è l’orribile impresa: salire sull’aereo, sul quale le persone stressate quanto te sono ammassate prima nel tunnel del gate e poi in quel barattolo di latta per ore e ore. Spesso con pargoli lacrimanti e urlatori professionisti. Mostri in miniatura.

Ma, nonostante tutto questo c’è una cosa su tutte per cui la gente sembra davvero stancarsi a morte, ed è il tempo che deve aspettare per i bagagli quando si arriva a destinazione. Forse rappresenta la goccia che fa traboccare il vaso o il grammo di troppo che rompe le spalle ai cammelli in viaggio; sarà per la seccatura di perdere i primi minuti della tanto attesa vacanza!? Oppure del rientro a casa? Qualunque cosa sia, la gente odia sanguinosamente aspettare i propri bagagli.

Ma l’aiuto è a portata di mano, perché abbiamo alcuni consigli pratici per far sì che la tua preziosa valigia sia la prima ad emergere dal boccaporto del nastro trasportatore del ritiro bagagli non appena scendi dal volo.

Infatti abbiamo intervistato un infiltrato nel sistema aeroportuale, che ha lavorato in uno scalo internazionale, “vissuto” da milioni di frequent flyers e ha gentilmente risposto al nostro quesito: come cazzo devo fare per avere subito le mie valige?

“La tua migliore opzione è quella di essere uno degli ultimi passeggeri ad imbarcare le valigie. Le borse saranno sempre caricate frontalmente sui carrelli portabagagli, quindi se ti presenti al check-in per ultimo, le borse saranno nell’ultimo carico; questo le renderà automaticamente ultime ad essere stoccate nella stiva dell’aeromobile e quindi saranno le prime a essere scaricate dall’aereo. Di conseguenza se saranno le prime a “scendere” dall’aereo, molto probabilmente saranno le prime a posarsi sul nastro trasportatore del ritiro bagagli.”

Tuttavia, se non vuoi aspettare l’ultimo momento per il check-in, ci ha spifferato anche un secondo metodo.

“Considerato che il sistema “last bag” ti garantisce il risultato, non sempre però potresti aver voglia di presentarti per ultimo al check-in quindi in alternativa potresti tenere con te la valigia in modo che venga comunque imbarcata per ultima. L’unico svantaggio di questo metodo è che non sarai in grado di trasportare liquidi o altri oggetti che non possono essere tenuti in un bagaglio a mano poiché dovrai portare la valigia con te attraverso il checkpoint di sicurezza e fino all’imbarco. Arrivati a quel punto ti imporranno di stivarla e il gioco sarà fatto. Infatti con ogni probabilità sarà l’ultima ad essere messa in stiva sull’aereo.”

 

Per concludere questa proficua chiacchierata, ci ha dato anche qualche consiglio extra:

“Ricorda anche di essere gentile con gli addetti al check-in. Quanto più sarai amichevole, tanto più avrai la possibilità di ottenere ciò che desideri”.

Infatti, c’è anche un altro trucco: “quando presenti al check-in il tuo bagaglio per l’imbarco, puoi chiedere all’addetto di mettere un adesivo “fragile” su di esso. Dal momento che i bagagli contrassegnati fragili vengono di norma caricati per ultimi e trattati con maggiore attenzione anche nella riconsegna dandogli la priorità”.

Quindi la prossima volta che ti crogiolerai nella gloria di aver afferrato le valigie senza un attimo di ritardo, pensa a noi e alza un bicchiere di birra in onore dei tuoi buoni amici di Razione ILZ.
 

Luca Pennati

 


 


VISITA I NOSTRI PRODOTTI SU AMAZON

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: