Hope – intervista


hopeintervista

 

ILoveZombie nel suo intento di promuovere la cultura zombesca made in Italy, incontra ed intervista in chat, il regista di Hope – La Serie.

Questa produzione, che sta per vedere la luce, parla dell’apocalisse zombie nel Belpaese. Non aspettatevi, tuttavia, americanate perché come ha ammesso il regista Mimmo Greco, il tutto sarà “calato” nella cultura, nel modo di vedere e di vivere tipicamente italiano.

L’ideazione e la produzione è di Arch3tipos, una bella realtà pugliese giovane e dinamica.

Nel cast sono presenti attori professionisti conosciuti. Questi i nomi:

Fortunato Marco Iannaccone, Lidia Cocciolo, Marilù Pipitone, Gianni D’Addario, Gianpiero Pumo, Ezio Spezzacatena, Vincenzo Messina, Angelo Minoli, Federica Del Col, Marcello Arnone, Carlo Caracciolo, Niccolò Cancellieri, Alessia Iacopetta e Renato Paioli.

Prima di leggere l’intervista, curata da Alessandro de Felice, Nick Fury e Luca Pennati, una breve sinossi della serie.

Un’epidemia ha colpito la popolazione mondiale, trasformando i morti in Zombie. Gli stati del mondo, impreparati, reagiscono come meglio possono per contenere il diffondersi della piaga, ma la velocità con cui il contagio avanza è sorprendente, basta un morso da un infetto per far morire la vittima e trasformarla in uno Zombie. Le comunicazioni si interrompono, le forze armate di tutte le nazioni, almeno di quelle di cui si ha notizia, sono cadute, la polizia e tutti gli enti preposti alla protezione e salvaguardia dei civili non esiste più. In Italia, la situazione non è differente. La popolazione è sola e le persone cercano di cavarsela come meglio riescono. Francesco e Sofia, insieme ad Irene e Claudio, sono in fuga dal momento dello scoppio dell’epidemia. Si rifugiano in una casa di periferia, nella regione pugliese. Sofia è al nono mese di gravidanza ed è stata morsa. La casa è circondata da un’orda di Zombie. Grazie al sacrificio di Claudio e agli sforzi di Irene e Francesco di proteggerla, Sofia prima di morire, da alla luce una bambina e le affida il nome di Hope.

Sei anni dopo, Francesco vaga per le strade e le foreste, è solo. Dov’è finita Hope?

 


 

Intervista

 

 

alesDefe Alessandro De Felice: Ciao, eccoci

 

 nickNick Fury: Siamo operativi?

 

 mimmo grecoMimmo Greco: Pronti!

 

nick Nick Fury: Ok comincio io … Finalmente lo zombie made in Italy approda nella nostra penisola, facendo timidamente capolino sia nelle librerie, sia nelle web e, pare, anche in tv. Da quello che abbiamo capito, la vostra web serie punterà lo sguardo sul territorio nazionale, ed in particolare in quello pugliese, invaso dai morti viventi. Ma noi italioti siamo capaci di affrontare un’apocalisse zombie? Nella trama da voi sviluppata (sulla quale immagino manteniate il più stretto riserbo) si evidenzieranno le caratteristiche (positive o negative) del nostro comportamento, oppure i protagonisti reagiranno alla pandemia come qualunque sopravvissuto americano?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Bene. Faccio una premessa. Hope non è una web serie ma sarà una serie.

 

alesDefe Alessandro De Felice: Su che piattaforma verrà trasmessa ?

 

mimmo greco Mimmo Greco: È nata come web serie ma per il livello di cast tecnico e artistico che abbiamo, si è deciso di puntare dritto a creare un prodotto da presentare in tv. L’obiettivo è quello di girare la puntata pilota di circa 40 min le cui riprese andranno dal 5 giugno al 25 luglio. Hope è nata per dare la risposta alla domanda che i protagonisti si chiedono nello show americano The Walking Dead, ovvero: che cosa sta succedendo nel resto del mondo?

 

nick Nick Fury: Premesso alcuni di noi della Redazione (compreso il sottoscritto) non sono fans sfegatati di The Walking Dead, la vostra serie mostrerà solo le storie dei sopravvissuti o punterà l’obiettivo anche sui morti viventi? Gli zombie staranno solo sullo sfondo o riuscirete a ritagliargli un ruolo da protagonisti?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Hope vuole far vedere al pubblico come reagirebbe l’Italia ad una situazione del genere. Per questo sarà interessante vedere come i personaggi con varie culture e modi di pensare italiano, affronteranno l’epidemia. Diciamo che gli zombie avranno un ruolo un po’ più importante per il tipo di storia che abbiamo creato.

 

nick Nick Fury: …”Importante”, in che senso?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Ehehehe! Al momento non possiamo sbilanciarci se no capirete tutto.

 

nick Nick Fury ok! Che razza di zombie userete? Sarete fedeli alla dottrina Romeriana (lenti ma implacabili) o inserirete morti viventi che corrono, saltano e fanno acrobazie? Questo per gli appassionati di zombie è il minimo sindacale.

 

mimmo greco Mimmo Greco: Lo zombie di Hope sarà molto fedele allo zombie di Romero. Il classico zombie diciamo.

 

nick Nick Fury: Una manna per i “puristi”.

 

mimmo greco Mimmo Greco: Vogliamo mantenere l’iconografia classica dello zombie.

 

alesDefe Alessandro De Felice: La storia che ho letto nella sinossi mi piace molto, la ricerca della speranza, intesa non solo come una figlia da trovare, è un pò quello che ruota attorno ad ogni film o serie del genere … Il vostro progetto punterà molto sulla psicologia dei personaggi ?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Rispondo subito! La psicologia dei personaggi avrà un ruolo predominante nella storia in cui Hope, una bambina che ha questo nome perché la madre è americana, diventerà il nodo per lo svolgimento di tutte le vicende.

 

nick Nick Fury: Quanti personaggi interagiranno nella storia?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Nel primo episodio presentiamo circa 15 personaggi, sono quelli che vedete nella sezione cast del sito. Un fattore molto importante della serie sarà, visto che parliamo di zombie, il make up.

 

nick Nick Fury: La storia sarà radicata nel territorio? I protagonisti saranno tutti Pugliesi? Ci sarà una netta connotazione regionale o ci sarà spazio per una visione più, diciamo, nazionale?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Proprio perché si tratta di un prodotto italiano vedrete spuntare personaggi provenienti da varie parti dell’Italia

 

nick Nick Fury: Una critica alla nostra società incapace di fronteggiare le emergenze potremo vederla?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Assolutamente si! Vedremo proprio questa caratteristica nella difficoltà dei personaggi nel misurarsi con una situazione del genere.

 

lucPen Luca Pennati: Che tipo di location avete intenzione di utilizzare? Persone in fuga dalla città, quindi boschi e luoghi isolati o anche ambientazioni cittadine “post apocalittiche”?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Nella prima puntata vedremo strutture abbandonate e foreste.

 

nick Nick Fury: I sopravvissuti saranno persone comuni (con tipiche caratteristiche italiane, alla Fantozzi maniera per intenderci) o sarà inserito qualche personaggio tosto alla Daryl maniera?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Non ci saranno eroi come i classici americani, perché in Italia non siamo così, né vedremo però, personaggi tipo “Fantozzi”. Qualche tipo tosto verrà inserito ma le caratteristiche e i modi di fare saranno sempre i nostri.

 

lucPen Luca Pennati: Forse Callisto è un “Daryl”? E per quanto riguarda l’uso delle armi? In America c’è una diffusione capillare mentre da noi scarseggiano, come farete?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Bella domanda. Questo sarà uno dei punti cardine! Proprio perché in Italia è difficile il reperimento di armi, vedremo come se la caveranno i personaggi con armi create ad hoc, quindi poche armi da fuoco.

 

lucPen Luca Pennati: Interessante. Stimola la fantasia delle persone, come per la balestra e l’uso del coltello e della katana che hanno sostituito pistole e mitragliatori nell’immaginario dei fan.

 

nick Nick Fury: In Italia non passa nulla in TV che non sia ammantata di buonismo e perbenismo (alla Don Matteo) … voi vi adatterete a queste caratteristiche o possiamo sperare di vedere FINALMENTE un prodotto “politicamente scorretto”?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Esattamente, se mai Hope dovesse arrivare in tv, finalmente vedremo qualcosa di molto, molto, ma molto diverso rispetto ai soliti stereotipi delle serie italiana.

 

nick Nick Fury: Spero che non sia utopia … me lo auguro vivamente… ritengo che non sarà facile farlo digerire. Siete convinti di riuscirci?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Siamo convintissimi!

 

nick Nick Fury: Se un prodotto tosto, violento e cinico (come le storie apocalittiche DEVONO essere) sarà visibile nel territorio nazionale, l’apocalisse zombie inizierà veramente. Quante puntate sono previste?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Abbiamo già scritto 6 puntate per la prima stagione.

 

nick Nick Fury: Nello stendere la trama (di cui OVVIAMENTE è top secret) vi siete ispirati a qualche libro pubblicato nel settore?

 

mimmo greco Mimmo Greco: No, la storia è scritta da noi.

 

lucPen Luca Pennati: Vedo che la produzione è tutta vostra e che punterete ad un crowfunding. Ora va molto di moda questo sistema (si veda il figlio di Romero) ma è veramente pensabile nel nostro paese(?). Spero che qualche canale vi sovvenzioni direttamente.

 

nick Nick Fury: Esatto. Luca. Come avete ottenuto le sovvenzioni?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Rispondo subito. Al momento abbiamo gestito la produzione della puntata pilota autonomamente e con qualche partner del posto. Di più non posso al momento dirvi.

 

nick Nick Fury: Ok! Faccio una domanda cattivella …

 

mimmo greco Mimmo Greco: Vai!

 

nick Nick Fury: Come mai avete scelto il genere zombie? E’ stata una “furbata” per sfruttare l’onda anomala del successo di TWD, o anche voi (come noi) nutrivate una perversa passione per questo genere PRIMA che il mondo conoscesse Rick and Daryl?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Siamo profondamente zombie da circa 20 anni. E stiamo per trasformarci.

 

nick Nick Fury: Complimenti! Cosa vi appassiona di questo genere?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Ci intriga tanto l’idea di pensare: e se accadesse per davvero?

 

lucPen Luca Pennati: Inutile dire che tanti fan del settore (pure noi) sono sempre molto interessati a partecipare come comparse. State ancora facendo selezioni?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Al momento stiamo facendo i casting per gli zombie per poi addestrare i selezionati. Gli zombie devono essere credibili al 100%. Nella produzione “Arch3tipos” non ci sono solo io comunque, ma altre due menti!

 

nick Nick Fury: Ok… I nomi, degli altri due … “complici”.

 

mimmo greco Mimmo Greco: Angelo Pace, che ha scritto soggetto e sceneggiatura e si occuperà con Filippo Cirilello del make up fx. Filippo avrà anche un ruolo negli effetti visivi.

 

alesDefe Alessandro De Felice: Come vi siete conosciuti ed avete iniziato a pensare a questo progetto?

 

lucPen Luca Pennati: Sì, ho visto. La sceneggiatura è di Angelo Pace.

 

mimmo greco Mimmo Greco: Ci conosciamo da anni.

 

nick Nick Fury: La storia sarà autoconclusiva, oppure, come per tutte le storie di zombie, rimarrà un finale aperto?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Mmm… bella domanda! Top secret!

 

alesDefe Alessandro De Felice: Raccontaci un po’ di questa vostra idea e collaborazione, la classica scena degli amici di sempre seduti ad un tavolino di un bar ?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Più o meno. La storia ha più o meno due anni. Ci stiamo pensando da molto tempo proprio per creare qualcosa di mai visto in Italia.

 

alesDefe Alessandro De Felice: Spero che riusciate nel vostro intento, almeno riaccenderò quel soprammobile chiamato tv.

 

nick Nick Fury: In Italia il Vaticano ha un’ENORME influenza sulle decisioni politiche ed etiche, parlando di resurrezione dei morti, sarà affrontato anche qualche aspetto religioso? Lo so, pretendo troppo … però sono curioso.

 

mimmo greco Mimmo Greco: Hai fatto centro!

 

nick Nick Fury: ah si?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Però non posso dirti altro.

 

alesDefe Alessandro De Felice: Lo inviti a nozze il baffo così!

 

nick Nick Fury: Il mio ego straborda di orgoglio!

 

alesDefe Alessandro De Felice: Neanche una piccola indiscrezione?

 

mimmo greco Mimmo Greco: Sarà una dei punti cardine delle caratteristiche individuali dei personaggi.

 

nick Nick Fury: Ok … Sul Vaticano ho fatto centro! E sulla politica? Una scena catartica su qualche bell’onorevole sbranato dai morti viventi la si potrà vedere? DIMMI DI SI’!!!

 

mimmo greco Mimmo Greco: ahahah! Al momento non è prevista.

 

nick Nick Fury: … Allora vi ho dato un’idea. La gente vi amerà!

 

mimmo greco Mimmo Greco: ahahah

 

alesDefe Alessandro De Felice: Almeno un sindaco di provincia … Questi zombie dovranno pure mangiare.

 

lucPen Luca Pennati: Siamo pieni di governatori …!

 

nick Nick Fury: Uomini che hanno mangiato sulle disgrazie altrui, mangiati dai peggiori disgraziati… E’ PERFETTA! Ok … Io ho soddisfatto la mia morbosa curiosità (per quello che si poteva). E soprattutto FACCIAMO IL TIFO SFEGATATO per voi … e conseguentemente per noi. Ti ringraziamo sentitamente.

 

lucPen Luca Pennati: Grazie mille! Davvero!

 

alesDefe Alessandro De Felice: Io sono ansioso di vedere questa serie. Ti faccio i più profondi “in culo alla balena” possibili …

 

mimmo greco Mimmo Greco: Grazie a voi ragazzi! Grandi! Grazie mille! Buon lavoro!

 

nick Nick Fury: Anche a voi … Ne avete VERAMENTE bisogno!

 

alesDefe Alessandro De Felice: Grazie mille. Buona giornata a te.

 

 

Se volete saperne di più, date un’occhiata a questi indirizzi:

https://www.facebook.com/hopeserie/timeline

http://www.hopeserie.it/


 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: