ZZ – Zombie Zone – recensione

L’estate, per il nostro Igor ZANCHELLI, equivale a divora libri in modo maniacale e compulsivo.


 

ImmagineSINOSSI

Un romanzo sugli zombie nello stile di “The walking dead”

Dopo la drammatica caduta dell’aereo nelle foreste selvagge del Maine, i sopravvissuti credono di aver superato il peggio. Il capitano Adam Anderson organizza il gruppo e si impegna a cercare aiuto, ma diventa presto chiaro che il mondo così come noi lo conosciamo non esiste più. Sembra che tutto stia cadendo a pezzi e nessuno sa quale sia l’origine della catastrofe. Un’unica, elementare, verità si rende subito evidente al gruppo: se fai un errore, lo paghi con la tua vita e diventi come “loro”…

Un must per tutti gli appassionati di “The walking dead”!

Editore: Amazon Media EU S.à r.l. ASIN: B01GUA4Z2W. Prezzo: 2,99 €. Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l


RECENSIONE

 

La storia in sé non introduce novità. Inizio classico: morti che si risvegliano e attaccano i vivi sconvolgendo le loro vite. Situazioni diverse e luoghi diversi con un unico denominatore comune, capire, sopravvivere, fuggire.

Il ritmo è buono e con la giusta cadenza; ciò fa sì che la lettura risulta piacevole. I personaggi sono ben presentati e strutturati, in poche righe l’autore fa in modo che il lettore conosca il personaggio da sempre. Sono un po’ carenti le descrizioni dei luoghi ma nel complesso il tutto risulta armonioso. Questo primo episodio è un’introduzione ad una storia più lunga e complessa e siamo curiosi di vedere come l’autore svilupperà gli eventi.

Come l’autore dichiara nella sinossi, il lavoro si inspira a “The Walking Dead” ma in questo primo episodio, a mio avviso, nulla lo riconduce al fortunato serial. Sono presenti tanti zombie che tuttavia per il momento rimangono sullo sfondo e, come ormai riscontrato in tantissime opere, sono presenti anche non-morti “diversi”.

Durante la lettura mi sono imbattuto in moltissimi refusi, ma non escludo che questo sia dovuto al mio kindle che ha convertito male il file.

In conclusione direi che questo primo episodio merita tre stelle di incoraggiamento e che si possa leggere spendendo un paio di ore. Il tutto promette bene considerando che è un’opera prima.

 

 

Igor Zanchelli

 


 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: