Zeta, l’anticristo – capitolo 05

di Massimo Miranda


Il PUNITORE aveva seguito il NANO in quello sputo di posto.

Il NANO e i suoi uomini erano là, a torturare il Chitarrista. Dal garage non veniva fuori nessun rumore, il locale era stato insonorizzato da quattro ragazzotti svegli, qualche giorno prima.

“Embè, Chitarrì. Ta’ voglio rà, ‘na possibilità. Me cantà a canzona mia, sana sana. Accummenc’.”

“Tene ‘e capill’ ricc’ ricci…”

“Continua”

“Tene ‘e capilli ricc’ ricci, l’uocchie…l’uocchi…Figlie ‘e Maradò, nun ma ricordo, pietà…”

“Pietà? ‘O nonno mio, cioè ‘o pate ‘e Maradona, ‘o ‘ssai che diceva? Diceva: “A vita ‘o ‘ssai che r’è? A vita è ‘na brioscia, è n’araputa e cosce, è ‘na trasuta ‘e pesce, è nu cazz’ ca s’ammoscia. È ‘na brioscia, e ‘a vita fernesce. E mò, ‘o cazz’ che è cacat’, t’ fotte. “Te l’è chiavata, ‘a Gessica?  Vir’ che essa sta rinto ‘o cemento re villette ‘e Cardito, e a te t’ taglio ‘o pesce, accussì t’mpar’ a campà.  T’aggia fa lacc’ lacc’!”

Volto che diventa nero d’animale.

“Vai, Parzanè!”

“Mi chiamo Gerda…

Vai vai vai!

….aaaaaaaaaaaaaaahhhhhh

E non è con le chiacchiere…

…..AAAAAAAAAAH!!!

Vai!

Che uscirai:

“Figlie ‘e Maradò: l’taglie pure ‘e palle?”

“No. Pe’ mmò taglial’ miezu bracc’, che ‘o purtamm’ a Formia p’ sazià ‘o giaguaro.”

Il NANO aveva un giaguaro in gabbia nella sua villa a mare.

L’ispettore capo Palladino, detto SERPICO, non si faceva capace. Il sangue c’era, le pallottole pure, tutte rigorosamente 9×21, ma il corpo. Il corpo dove cazzo era finito? Le tracce finivano lì, nel Giardino inglese. E del corpo nessuna traccia.

“Cercate ancora, cercate! “

(Qua fanno il culo a me, se non si trova il cadavere.)

(“Ore 7 e 46 del 22 di luglio, niente ferie, SERPICO.”)

Un giorno qualunque a Caserta, la Reggia, in culo al mondo. SERPICO, un morto.  L’altro che non si trovava, e a breve, gli zombi.

CASTLE sfondò la saracinesca con una granata, stese Cardamone con l’Uzi e Parzanese si beccò tre palle di Beretta, stomaco, cuore e cranio.

Quello chiamato ‘A Scigna” gli sgusciò sotto e cominciò a colpirlo, facendogli cadere l’Uzi. Poi gli morse la mano e tirò fuori il coltello.

Intanto, il NANO scappava, col braccio del Chitarrista, squarciato dall’esplosione, effetto collaterale: ma pezzo di merda e nessun rimpianto.

Il PUNITORE sferrò un calcio alle palle della Scimmia che non mollava, poi con un violento uno-due lo buttò fuori dal garage.

Gli scugnizzi lo guardarono, gli occhi da fuori.

“Marò, che r’è? Tene ‘a cap’ ‘e morte ‘mpiett’, chist’!”

CASTLE raccolse la pistola e sparò dritto in fronte all’uomo a terra.

“Mangia questa banana”, disse, gelido.

“Se proprio devi scrivere

Acquattati, aspetta.

Deve bruciarti il culo,

sennò non funzionerà.

Non so se potrai chiamarlo Amore,

di sicuro sarà per FAME, come in una Terra dei Fuochi”.

– l’attacco degli Zombi!  “Esatt’al membro”, disse Max

Massimo Miranda


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: